La ragazza dalla macchina rossa

 16,00

Confronta

Descrizione

Emma Parker ha vent̛’anni. Figlia di un diplomatico americano, habituée delle serate alla moda che girano intorno alla gioventù dorata parigina, sfreccia per le strade a bordo di una fiammante Porsche rossa, come rossa è la gonna che indossa e rossi i semafori ai quali non si ferma. Tutto in lei ha il colore della sfrontatezza e dell’ambizione. Un giorno, nella biblioteca della Sorbona, Emma incontra uno scrittore – voce narrante del romanzo – che ha quasi il doppio della sua età. Subito, le cose tra loro prendono a correre veloci: i due si innamorano, si amano, si cercano. Ma poi tutto cambia, repentinamente com’era iniziato: Emma rivela allo scrittore una terribile verità che la riguarda personalmente. È l’inizio di una nuova fase della loro relazione, anzi di una nuova storia che condivide con la precedente i suoi protagonisti innamorati, ma non le stesse emozioni, le stesse aspettative, gli stessi sogni. Ancora una volta, con l’attenzione di un indagatore coraggioso e di profonda umanità, Philippe Vilain ci racconta il sentimento d’amore, le sue vampate abbacinanti e il gelo delle sue zone oscure, le parole dette e quelle taciute, la vulnerabilità di chi lascia cadere le barriere e l’ambiguità di chi le innalza. E nell’esibire le proprie debolezze, fa vibrare le corde interiori di tutti noi lettori: non è forse anche la cecità un attributo universale dell’amore?

Philippe Vilain è autore di romanzi di grande successo, pubblicati in Francia da Gallimard e da Grasset. Tra di essi, editi in Italia da Gremese, Falso padre (2009), Non il suo tipo (2012, adattato per il cinema da Lucas Belvaux) e La moglie infedele (2013, in Francia premio Jean-Freustié). Ha scritto anche saggi, come il Quadernetto sulla timidezza (2011, Gremese) e il più recente La littérature sans l’idéal (2016). 

ANTEPRIMA

Informazioni aggiuntive

ISBN

Caratteristiche

Formato

Pagine

Anno pubblicazione

Rassegna Stampa

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La ragazza dalla macchina rossa”