ISBN: 978-88-6692-016-8

Lo zoo di Venere di Peter Greenaway

 18,00

Luca Pacilio

Confronta

Descrizione

Uno zoo. Due fratelli etologi. Un incidente provocato da un cigno. Due morti e un insolito percorso di elaborazione della perdita. E ancora: tassonomie, le otto tappe della selezione naturale di Darwin, la Genesi, il Pantheon greco, i quadri di Vermeer, l’alfabeto (il finito), l’esplorazione dei fenomeni naturali (l’infinito), Caso e Necessità, Ordine e Caos. Lo zoo di Venere è un film che mescola matrici visive e concettuali differenti, fuse in uno sguardo d’insieme sul trauma del lutto e sul fascino della decomposizione dei corpi. Coacervo di teorie scientifiche, giochi figurativi e sottotesti filosofici, è un oggetto inafferrabile, tanto controverso quanto ironico, che si dipana in una giungla di riferimenti culturali, senza spacciare plausibilità o morali. Il secondo lungometraggio commerciale di Peter Greenaway è anche un complesso puzzle di storie in fieri che sollecitano domande e alimentano dubbi, di logica in apparenza inafferrabile, ma in realtà rimandante a un più alto disegno complessivo. Testimonianza di un’idea di cinema già pienamente matura, è un film che propone tutte le istanze – passate, presenti e future – dell’opera del suo autore, aperta, come poche altre, ad accogliere medium e linguaggi differenti.

Luca Pacilio è direttore della rivista cinematografica online Gli Spietati e collaboratore del settimanale Film TV per il quale cura, tra l’altro, la rubrica “Videostar”. Ha scritto per Bietti il volume Il videoclip nell’era di YouTube – Cento videomaker per il nuovo millennio (2014).

 

Informazioni aggiuntive

Autore

Caratteristiche

Formato

Pagine

Anno pubblicazione

ISBN

Rassegna stampa

Recensione su “Sololibri”

Recensione su “Convenzionali”

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Lo zoo di Venere di Peter Greenaway”

Ti potrebbe interessare…

C’era una volta in America di Sergio Leone

 16,00

Ilaria Feole

Baci rubati di François Truffaut

 16,00

Jean-François Pioud-Bert

Il silenzio è d’oro di René Claire

 16,00

Giulio D’Amicone

C’era una volta il West di Sergio Leone

 16,00

Roberto Donati