ISBN: 9788866920861

Il cinema di Bernardo Bertolucci

 27,00

Confronta

Descrizione

 

Gratificato da un enorme successo internazionale, il cinema di Bernardo Bertolucci è per molti aspetti inimitabile. Da Prima della rivoluzione (1964) a Io e te (2012) non c’è immagine di un suo film che non sia il frutto di un artificio espressivo, scenografico, luministico. O che si accontenti di riproporre il vecchio equivoco della realtà così com’è senza intervenire, invece, per trasformarla e sublimarla. Quello di Bertolucci è un cinema del “tutto è possibile”, dell’altrove e dell’impasse. Un cinema spettacolare e complesso che si mette continuamente alla prova, che guarda la realtà con concupiscenza e meraviglia, come la Terra vista dalla Luna.

Dal respiro epico del kolossal al minimalismo del racconto quotidiano, dai canoni del romanzo ottocentesco (Novecento, L’ultimo imperatore) allo scandalo del sesso più trasgressivo (Ultimo tango a Parigi) fino alla misura del teatro da camera (The Dreamers). C’è sempre un legame con la storia del cinema fatta rivivere nel presente. In questa “infinitudine”, che lega la vita all’immaginario, c’è forse il suo segreto più prezioso.

I film di Bertolucci sono sempre contemporanei. Sia quando parlano del fascismo che nasce e muore nella pianura padana (Novecento) o della cupezza degli anni di piombo (La tragedia di un uomo ridicolo). Sia quando vivono nel cuore della Cina (L’ultimo imperatore), nel Nepal (Piccolo Buddha), nel Sahara (Il tè nel deserto). Oppure in una villa del Chianti-shire (Io ballo da sola) o nelle cantine di un palazzo borghese di Roma (Io e te). Sempre instaurano una linea diretta con quello spettatore ideale che «sognando desidera ancora sognare». E in questa onirica euforia prolunga i suoi desideri e, con il cinema, a volte scopre delle verità.

A un anno dalla scomparsa di un grande Maestro del cinema, questo libro propone un lungo viaggio in compagnia dei suoi film, dall’opera d’esordio La commare secca (1962) a The Echo Chambers (2018), purtroppo lasciato incompiuto. Tutti i film sono accompagnati da analisi critiche e da brevi interventi dello stesso Bertolucci. A corredo del libro un apparato iconografico ricco di centinaia di foto e fotogrammi scelti dai film in funzione del testo scritto.

Piero Spila

è vicepresidente del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI) e direttore di «Cinecritica». Autore e curatore di volumi e monografie di cinema, per questo editore ha pubblicato un libro su Pier Paolo Pasolini e su Aurora di Murnau. Nel corso di una lunga amicizia con Bernardo Bertolucci, ha scritto numerosi saggi sul suo cinema e ha curato tra l’altro un volume che raccoglie i suoi scritti.

SFOGLIA L’ANTEPRIMA QUI!

Rassegna Stampa

Recensione della versione francese su Blog Des Arts 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il cinema di Bernardo Bertolucci”