I gioielli di Madame de…

 14,00

di Max Ophüls 

Confronta

Descrizione

«Il film più perfetto mai realizzato». Così il critico e teorico americano Andrew Sarris a proposito di I gioielli di Madame de…, straordinario melodramma girato nello stile di una commedia. Max Ophüls, il maestro tedesco-francese amato e copiato da François Truffaut e Stanley Kubrick, Paul Thomas Anderson e Wes Anderson, vi raggiunge – così come nel precedente La Ronde – il culmine della propria arte raffinata, allusiva, sottilmente disperata: un’insostenibile leggerezza dell’essere e del filmare. Attraverso le vicissitudini di un paio di orecchini, nella Parigi della belle époque, vi racconta quelle di una donna (Danielle Darrieux, nel fiore della bellezza e della carriera) vissuta per piacere e morta per amore; ma anche quelle di una società che danza, come il protagonista del primo episodio di Il piacere, altro capolavoro del regista, sull’orlo del baratro.
L’intero film, tra gioielli, valzer, galanterie, è riassunto – come l’arte stessa del suo autore – nella frase che il generale Charles Boyer dice alla moglie riguardo alla loro felicità coniugale: «Soltanto superficialmente è superficiale».

Dominique Delouche, parigino, ha studiato musica e belle arti, è stato assistente di Federico Fellini (per film come Le notti di Cabiria e La dolce vita), ha diretto vari cortometraggi, alcuni lungometraggi (Vingt-quatre heures de la vie d’une femme, L’homme de désir, Divine), numerosi film sulla danza e varie produzioni teatrali all’Opéra di Parigi e al Festival d’Aix-en-Provence. Cavaliere dell’Ordine delle Arti e delle Lettere, ha anche pubblicato libri su Fellini, Visconti, Giulietta Masina. A Max Ophüls, che ha conosciuto di persona, e alla musa di entrambi, Danielle Darrieux, ha dedicato nel 2011 Max & Danielle: Les années Darrieux de Max Ophuls

ANTEPRIMA

Informazioni aggiuntive

ISBN

Caratteristiche

Formato

Pagine

Anno pubblicazione

Rassegna Stampa

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “I gioielli di Madame de…”