Das kaffeehaus

Fassbinder R.w.

NON DISPONIBILE

Availability: In stock

€10.00
OR

Das kaffeehaus

Double click on above image to view full picture

Zoom Out
Zoom In

More Views

Additional Information
ISBN 8876054332
Features 96 pag.
Format No
Pages No
Publication year 2008
Press review No
Details

Fassbinder epigono di Goldoni? Non è così tanto un'eresia. Le analogie possibili concernono il lavorare di getto, il fare altrettanto i comodi di molta committenza, il testimoniare i nuovi manierismi, il potere ricattatorio del denaro e della "fatuità". Non stupisce, in questo senso, che l'autore-regista tedesco rigeneri nel 1969 La bottega del caffè, con un nuovo atto di scrittura. Al posto di duelli verbali, vivaci e rapidi, al posto di raffinati lazzi e cascate di parole, prende ora piede un dialogo pacato e controllato, fervidamente lascivo, turpemente romantico, con un cordoglio rappreso di fondo e con un'allegria di ceto strafottente. Fassbinder ha rimodellato a più riprese i classici, traendone scomplessate intrusioni, letture irrequiete e mai solo "a fronte". Qui, anziché l'archetipo della Piazzetta veneziana, per Kaffeehaus aveva concepito un piano-bar di belli e dissipati, un viavai di lenoni e donne oppresse, piccoli avventurieri redenti, scipiti parassiti. Alla frenesia settecentesca si sostituisce una morbosa apatia che reca però con sé i misteri della grazia. I personaggi sono tutti assai più ricattabili che in Goldoni, e al centro c'è un Don Marzio degli anni di piombo, mestatore e supervisore come appunto amava insaziabilmente essere, fuori d'ogni canone, Fassbinder.

RAINER WERNER FASSBINDER (1945-1982), accanto alla nota attività di regista cinematografico, ha svolto per molti anni un intenso lavoro di regista teatrale e di drammaturgo. Tra i suoi testi più diffusi, ricordiamo: Katzelmacher (1968), Il soldato americano (1968), Preparadise sorry now (1969), Das Kaffeehaus (1969), Sangue sul collo del gatto (1971 ), Le lacrime amare di Petra von Kant (1971), Libertà a Brema (1971), I rifiuti, la città, la morte (1976).

Bookmark and Share