Storia del piede e altre fantasie

Jean-Marie Gustave Le Clézio

Disponibilità: Si

€ 20,00
O

Storia del piede e altre fantasie

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788884407726
Caratteristiche volume in brossura con bandelle
Formato cm 13 x 20
Pagine 318
Anno 2013
Rassegna Stampa

Recensione su IL TEMPO, domenica 4 agosto 2013

Recensione su REPUBBLICA SERA, martedì 10 settembre 2013

Recensione su "Convenzionali"

Dettagli

Questi dieci racconti rappresentano il primo libro scritto da Le Clézio dopo il premio Nobel vinto nel 2008. Le loro protagoniste (perché quasi sempre di donne si tratta) fronteggiano da sole un mondo spietato: tra di esse, Ujine, che deve prendere la decisione della sua vita mentre lotta contro l’umiliazione di un abbandono brutale e distratto da parte del suo amante; Fatou, che trova il coraggio di andare fino in capo al mondo alla ricerca del suo uomo, partito su una barca di disperati; o la vecchia Yama, che riesce a salvare la sua nipotina dalla furia della guerra tenendola nascosta nel tronco di un grande albero, lo stesso che dopo molti anni offrirà nuovo rifugio alla ragazza. Ma, per quanto struggenti siano la solitudine e la fatica nelle quali si dibatte l’umanità periferica descritta da Le Clézio, i toni non sono mai tragici. Piuttosto, il collante di questo universo narrativo è nelle “fantasie” a cui allude il titolo: accenti magici, mitici e irrazionali che percorrono le trame dei racconti e ai quali l’autore affida il compito di una profonda, inesauribile trasfigurazione della realtà.

J.M.G. Le Clézio è nato a Nizza nel 1940. Figlio di padre inglese e madre francese, a soli ventitré anni pubblica con Gallimard la sua prima opera, Le procèsverbal,
ricevendo il premio Renaudot e per poco mancando il premio Goncourt. Da allora ha scritto decine di volumi (saggi, romanzi, fiabe, novelle, ecc.), molti dei quali ispirati ai suoi frequentissimi viaggi per il mondo. Nel 2008 ha vinto il premio Nobel per la Letteratura come autore «di nuove partenze, avventure poetiche ed estasi sensuali, indagatore di un’umanità che va al di là e nel profondo della cultura dominante».

Bookmark and Share