Roland è morto e...

Nicolas Robin

Disponibilità: Si

€ 14,50
O

Roland è morto e...

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788884409737
Caratteristiche volume in brossura
Formato cm 13 x 20
Pagine 192
Anno 2017
Rassegna Stampa No
Dettagli

«Roland è morto. Me lo dice l’inquilina del piano di sotto. Piange davanti alla mia porta. Ha gli occhi rossi e il naso che cola. Ha indosso il suo golfino color malva e le espadrillas ai piedi. Vorrei sbatterle la porta in faccia. L’inquilina del piano di sotto viene sempre a darmi brutte notizie. Mi parla di gente nel mondo che non ha né braccia né gambe, che chiede l’elemosina all’uscita della metro, gente che ha malattie congenite e che nella vita parte col piede sbagliato. Mi parla dei buchi nell’ozono e delle mucche che scorreggiano in Paraguay... Stasera, mi comunica che il mio vicino di pianerottolo è morto. Mi disturba. Stavo guardando un porno in televisione.
Roland è morto, ma non me ne frega niente. Non lo conoscevo, dopo tutto. Era il vicino della porta accanto. Sembrava vecchio, non aveva capelli. Camminava guardandosi i piedi. Viveva solo col suo barboncino e ascoltava i dischi di Mireille Mathieu. È tutto quello che so. A Roland piacevano i cagnolini riccioluti e le donne coi capelli tagliati a scodella. Non era tipo da rock’n’roll. In effetti, pensandoci, non sentivo più i dischi di Mireille Mathieu da diversi giorni.»
L’ignaro protagonista del romanzo non sa ancora che la morte del povero Roland di lì a poco si abbatterà su di lui come una tempesta, sconvolgendo le sue pigre  giornate di quarantenne disoccupato e imprimendo un’inaspettata, nuova direzione alla sua vita. Percorso da un umorismo agrodolce che ci tiene compagnia fino alle ultime pagine, ambientate su una spiaggia della Normandia, il romanzo di Nicolas Robin ci riconcilia con i dolorosi temi della morte, della solitudine, dell’abbandono affettivo. E alla parola “fine”, ci fa ritrovare con la nostalgia per una storia che – tra un sorriso e un moto di commozione – avremmo voluto seguire ancora a lungo.
Nicolas Robin è nato nel 1976 nella regione francese delle Landes. Lavora in ambito turistico e gira tutto il mondo. È autore anche di Bebé Requin (2006), Super Tragique (2008) e Je ne sais pas dire je t’aime (2017), di prossima pubblicazione in questa stessa collana con il titolo Non so dire ti amo.

Bookmark and Share