Raffaella Carrà

Roberta Maresci

Disponibilità: Si

€ 8,90
O

Raffaella Carrà

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788866920786
Caratteristiche volume in brossura
Formato cm 13 x 20
Pagine 160
Anno 2019
Rassegna Stampa

Recensione su IL TEMPO, mercoledì 15 maggio 2013

Recensione su scegliilfilm.it

Recensione su liberiamo.it

Recensione su

Recensione su LIBERO, sabato 8 giugno 2013

Recensione su IL TEMPO, domenica 9 giugno 2013

Recensione su IL MATTINO, martedì 18 giugno 2013

Dettagli

Da attrice bambina a nostra signora della tv. La storia di Raffaella Carrà è quella di un ombelico alla bolognese che ha rivoluzionato il costume, di un caschetto d'oro, di un nome d'arte e di un pianerottolo romano su cui si affacciavano anche le case dei suoi ex, Sergio Japino e Gianni Boncompagni, soci e amici inossidabili di un'intera vita. Alla nostra soubrette più internazionale sono bastati tre minuti per diventare famosa nel programma "Io, Agata e tu": «Ho ballato come nessuna aveva mai osato, ho rotto gli schemi, ho inventato lo show. In Rai erano sconvolti e, il giorno dopo, anche mia madre mi ha chiamato per chiedermi se ero veramente io», ricorda la Raffa nazionale. Che poi, insieme all'indimenticato Boncompagni, ha avviato la stagione dei miniquiz televisivi all'ora di pranzo, diventando la signora dei fagioli e coniando il termine "aiutino". Il suo sogno? «Diventare coreografa come Maurice Béjart, e avere dei figli, ma quando il desiderio di un bimbo è arrivato, il mio corpo non ce l'ha fatta». In edizione economica, un libro che ci fa conoscere la vita pubblica e privata dell'unica vera diva della nostra televisione.

Roberta Maresci è una giornalista. Voce e autrice per Rai Radio2 di programmi come "La stanza delle meraviglie", "Il buongiorno di Rai Radio2", ha pubblicato diversi libri tra cui Death Market e Il grande libro del collezionismo. Per Gremese ha scritto un libro su Mina. Collabora con «Io Donna», «Voyager», «ViverSani & Belli», «Il Tempo» e «Libero».

Bookmark and Share