Milano calibro 9

Davide Pulici

di Fernando Di Leo

Disponibilità: Si

€ 18,00
O

Milano calibro 9

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788866920571
Caratteristiche volume in brossura
Formato cm 13,9 x 19
Pagine 144
Anno 2019
Rassegna Stampa No
Dettagli

Fernando Di Leo è stato un genere a sé stante, nel panorama del cinema popolare italiano a cavallo tra anni ’60 e ’70, e Milano calibro 9 è il film che meglio rappresenta questa sua unicità. Al suo interno, infatti, le reminiscenze letterarie da Giorgio Scerbanenco e gli influssi cinematografici di Jean-Pierre Melville si sposano dando vita a qualcosa di nuovo, spiazzante, poco convenzionale. Qualcosa di straordinario. La lotta di Ugo Piazza contro il destino intreccia le matrici del noir e del poliziesco, del gangster movie e del melodramma, in una vorticosa discesa agli inferi dell’animo umano marchiata a fuoco dai dialoghi asciutti e incalzanti, dalle efficaci partiture musicali di Luis Enríquez Bacalov e dalle interpretazioni di un parterre d’attori magistralmente orchestrato. Da Gastone Moschin a Mario Adorf, da Philippe Leroy a Lionel Stander, ogni volto dà sembianze e sostanza a un personaggio irripetibile, mentre Barbara Bouchet danza ancora nella memoria degli spettatori italiani e internazionali, Quentin Tarantino in primis. Davide Pulici, che di Di Leo fu amico e intimo confidente, ripercorre la genesi, la lavorazione e le mille sfaccettature del film, in un libro-scrigno i cui piccoli tesori si susseguono in forma di fotografie, documentazioni inedite e preziose testimonianze.

Davide Pulici è nato nel 1964. Fondatore nel 1994 di «Nocturno» e attuale vice-caporedattore della rivista, con Manlio Gomarasca ha pubblicato 99 Donne. Stelle
e stelline del cinema italiano (Mediaword, 1999) e La piccola cineteca degli orrori. Tutti i film che i fratelli Lumière non avrebbero mai voluto vedere (Rizzoli, 2009). Ha scritto saggi per numerosi volumi collettanei e collabora con INLAND. Quaderni di cinema (Bietti Edizioni).

 

 

Bookmark and Share