Uccidere per Satana

Massimo Centini

criminalità e devozione al demonio

Disponibilità: Si

€ 12,00
O

Uccidere per Satana

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788864422329
Caratteristiche volume in brossura
Formato cm 13x20
Pagine 224
Anno 2015
Rassegna Stampa

Recensione su "Convenzionali"

Recensione su "sololibri.net"

Recensione su "Il Tempo"

Recensione su "Il Giornale dei Misteri"

Dettagli

Il legame tra il crimine e devozione al demonio balza periodicamente agli onori delle cronache internazionali, e anche nel nostro Paese ha più di una volta indirizzato le indagini degli inquirenti e turbato profondamente l'opinione pubblica. Questo volume propone sull'argomento un'ampia panoramica che non si limita all'analisi dei singoli casi, ma si struttura in una sorta di "storia" della malvagità satanica, a partire dalla famigerata caccia alle streghe del Medioevo per arrivare ad alcuni dei fatti più sconcertanti verificatisi nel corso del XX secolo e in anni più recenti (Charles Manson, le Bestie di Satana, le adolescenti assassine di Chiavenna, ecc.). Con ricchezza di riferimenti, l'Autore compone dunque un variegato quadro d'insieme, nel quale trovano spazio - accanto ai delitti manifestamente compiuti in nome del demonio - anche crimini dai profili più ambigui, tuttora oggetto di congetture e ricostruzioni anche di stampo "satanista", come nel caso di Jack lo Squartatore o del Mostro di Firenze.

Massimo Centini, laureato in Antropologia culturale all'Università di Torino, ha collaborato con il Museo di scienze naturali di Bergamo e ha insegnato Antropologia culturale all'Istituto di design di Bolzano. È docente di Antropologia culturale presso la Fondazione Università Popolare di Torino e insegna "Storia della criminologia" ai master organizzati dal Movimento Universitario Altoatesino di Bolzano. Tra i suoi numerosi libri, Misteri d'Italia, Torino criminale, La sanguinosa storia dei serial killer e I grandi delitti italiani risolti e iirisolti (con Andrea Accorsi). Per Gremese ha scritto Malvagi d'Italia, pubblicato in questa stessa collana, e Le 100 parole della criminologia.

Bookmark and Share