Quel bastardo del mio capo!

Luca Busico, Renato Votta

Manuale di sopravvivenza aziendale per impiegati, dipendenti e sottoposti

Disponibilità: Si

€ 14,00
O

Quel bastardo del mio capo!

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788879448659
Caratteristiche pp. 150,
Formato No
Pagine No
Anno 2007
Rassegna Stampa No
Dettagli

C'è il capo che mentre ti dà una pacca sulla spalla afferma che "l'azienda è una grande famiglia"; quello che sostiene di apprezzare i dipendenti che dicono senza peli sulla lingua cosa pensano; oppure c'è il dirigente che controlla ossessivamente l'orario di entrata e di uscita di ogni dipendente, lanciando occhiatacce a chi si permette di andarsene prima delle nove di sera. Paternalisti, democratici o inflessibili, i capi rimangono sempre capi: una razza a parte, la cui principale occupazione è rendere infernale la vita ai dipendenti, che di fronte a loro si sentono sempre come il ragionier Fantozzi. Questo, cari sottoposti, è il libro che fa per voi, scritto da due come voi. Due impiegati che, dopo quindici anni vissuti pericolosamente tra capi bastardi di ogni genere, hanno pensato di mettere nero su bianco le loro esperienze, costruendo un vero e proprio manuale di sopravvivenza per il mondo surreale dell'azienda. I personaggi di questa eterna commedia dell'arte ci sono tutti: il ruffiano che dice sempre di sì nella speranza di far carriera, l'aziendalista che vorrebbe lavorare anche a Natale e Capodanno, le segretarie arroganti che a furia di stare a stretto contatto col capo sono diventate un po' bastarde anche loro. E al centro della scena lui, il capo che tutto stabilisce e tutto decide, che si sente infallibile manco fosse il Papa. Gli autori passano in rassegna i riti, le prove, le avventure e le disavventure attraverso cui sono passati tutti: grazie ai loro suggerimenti saprete districarvi meglio nella vita dell'azienda, e imparerete a riconoscere i vari tipi di capo, per non incappare più nelle loro ire. Con leggerezza e ironia, questo libro vi insegnerà a sorridere e a non prendere troppo sul serio quello che accade in azienda. In fondo, si tratta solo di lavoro...

Luca Busico, nato a Napoli nel 1968, vive a Lucca ed è funzionario presso l'ufficio legale di un'amministrazione pubblica. Dopo anni passati tra le scartoffie della burocrazia, sogna ancora di diventare capo, ma le sue velleità vengono regolarmente stroncate in quanto ritenuto non simpatico e non allineato.

Renato Votta, napoletano, vicino ai quaranta, voleva fare il presentatore, il giornalista, lo showman. Tutti obiettivi pienamente raggiunti: infatti è entrato giovanissimo in banca, e poi ha girato uffici e aziende à gogo, diventando dirigente e consulente. Questo libro rappresenta la sua piccola vendetta...

Bookmark and Share