Il silenzio è d'oro

Giulio D'Amicone

di René Clair

Disponibilità: Si

€ 16,00
O

Il silenzio è d'oro

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788866920557
Caratteristiche volume in brossura
Formato cm 13.5 x 19
Pagine 128
Anno 2019
Rassegna Stampa

Recensione su "Convenzionali"

Intervista a Giulio D'Amicone a Hollywood Party:

Recensione su "Film DOC"

Dettagli

Dopo il volontario esilio in America, René Clair torna nella sua amatissima Parigi per realizzare il film che secondo alcuni rappresenta la vetta più alta della sua arte. In un continuo rimando a fonti letterarie, musicali e filmiche, Il silenzio è d’oro, ambientato nei primi anni del Novecento, è la storia tenera e insieme crudele di un regista dongiovanni, non più giovanissimo (Maurice Chevalier, alla migliore interpretazione della sua carriera), costretto a rinunciare alla ragazza di cui è innamorato in favore di un giovane attore che è anche il suo miglior amico. «Un canto malinconico sull’avvicinarsi della vecchiaia» (Sadoul), ma anche un omaggio al cinema muto dei primordi e all’arte della commedia, che può consolarci di ogni malinconia. Il saggio esamina il film scena per scena (talvolta inquadratura per inquadratura, trattando di un regista per cui nessun dettaglio era casuale) ed è accompagnato da considerazioni di Clair sul film e sul cinema, da una ricca antologia di recensioni e saggi sia d’epoca che recenti e dai fotogrammi più significativi di un film che un tempo era considerato tra i capolavori massimi dell’arte cinematografica e oggi è stato ingiustamente dimenticato.

Giulio D’Amicone, nato a Bologna, ha pubblicato saggi di cinema vari (da L’uomo che uccise Liberty Valance a René Clair, il sorriso al cinéma e Vamos, il western italiano oltre Leone). Nel 2013 ha esordito nella narrativa con il romanzo La Musa. Uno svelamento, cui hanno fatto seguito Crepe nel muro e Attenti al gradino.

Bookmark and Share