Il cinema di Guillaume Apollinaire

Carole Aurouet

Manoscritti inediti del primo poeta del cinema

Disponibilità: Si

€ 28,00
O

Il cinema di Guillaume Apollinaire

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788866920434
Caratteristiche volume in brossura
Formato cm 21 x 26
Pagine 96 con 100 ill. a colori
Anno 2018
Rassegna Stampa

Recensione su "GR3"

Articolo su "La Repubblica"

Intervista a Paolo Di Paolo per "Hollywood Party" di Radio Rai 3

Recensione su "Convenzionali"

Recensione su "SoloLibri"

Dettagli

Guillaume Apollinaire morì il 9 novembre 1918. In occasione dell’importante centenario, in questo volume la ricercatrice e docente Carole Aurouet mette in evidenza un aspetto poco esplorato della sua opera: il cinema, con il quale Apollinaire intrattenne un rapporto denso e appassionato. Affascinato dalle straordinarie possibilità del nuovo mezzo espressivo – e in totale antitesi con l’ostilità moraleggiante manifestata da molti intellettuali del periodo –, il poeta frequentò assiduamente le sale di proiezione, pubblicò dei testi sul cinema e lo inserì nelle proprie creazioni letterarie. Poi, decise di scrivere anche per il cinema. Nel 1917, insieme all’amico André Billy, scrisse una prima sceneggiatura, La Bréhatine. Cinéma-drame en quatre parties (La Bréhatine. Cinema-dramma in quattro parti): storia di un amore infelice declinata in modo molto meno stereotipato di quanto ci si potrebbe aspettare da un soggetto di stampo tradizionale. Una seconda sceneggiatura, scritta dal solo Apollinaire in un piccolo quaderno dalla copertina rossa e ispirata a un’opera di Jules Verne, non fu mai portata a termine: C’est un oiseau qui vient de France (È un uccello che viene dalla Francia), vicenda inserita nel contesto storico della Prima guerra mondiale e pervasa da una diffusa germanofobia. Conservati presso la Bibliothèque littéraire Jacques Doucet e mai pubblicati prima d’ora in forma così compiuta, i due preziosi manoscritti sono qui perfettamente riprodotti in grandi tavole a colori che ce li mostrano in ogni particolare – cancellature, sottolineature, trasparenze di testi già stampati –, e sono accompagnati dalla loro traduzione filologica, fedele agli originali finanche nella disposizione di righe e parole. L’ampia presentazione iniziale a cura dell’Autrice li contestualizza storicamente e culturalmente, facendone emergere il ruolo di illuminanti testimonianze: non solo quanto all’opera individuale del grande poeta, ma più in generale quanto alla spinta avanguardista destinata a rinnovare arte e cultura del primo Novecento.

Carole Aurouet, professoressa associata, abilitata alla direzione delle ricerche all’università Paris-Est Marne-la-Vallée e membro dell’Institut de recherche en cinéma et audiovisuel di Paris 3 – Sorbonne Nouvelle, si interessa particolarmente delle relazioni intercorrenti tra poesia e cinema. È autrice di molti volumi, tra i quali L’Étoile de mer – poème de Robert Desnos tel que l’a vu Man Ray (Gremese, 2018), Prévert et le cinéma (Nouvelles éditions Place, 2016), Desnos et le cinéma (Nouvelles éditions Place, 2016) e Le Cinéma des poètes. De la critique au ciné-texte (Le Bord de l’eau, 2014). Presso le Nouvelles éditions Place dirige il settore di cinema e ha creato la collezione “Le cinéma des poètes”. Co-dirige inoltre la collana “Les meilleurs films de notre vie” di Gremese. È membro del consortium del progetto CINÉ08-19, finanziato dall’Agenzia nazionale della Ricerca e dedicato alla storia del cinema dal 1908 al 1919. 

Bookmark and Share