I Cigni del Cremlino

Christina Ezrahi

Balletto e potere nella Russia sovietica


 


"Miglior libro di Danza 2017" Premio dell'Association de la Critique de Théâtre, Musique et Danse

 

Disponibilità: Si

€ 29,50
O

I Cigni del Cremlino

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788884409560
Caratteristiche volume in brossura
Formato cm 15 x 23,5
Pagine 320 con 50 ill. in b/n
Anno 2017
Rassegna Stampa

Recensione su "Dance Hall News"

Comunicato stampa

Recensione su "giornaledelladanza.com"

Recensione su "La Lettura" del "Corriere della Sera"

Dettagli

In Russia, durante l’epoca zarista il balletto classico era forse il più chiaro emblema della cultura degli aristocratici. Poi, sull’onda della Rivoluzione di Ottobre esso finì, come tutte le altre arti, sotto l’egida delle autorità sovietiche che cercarono di conformare il balletto imperiale ai loro propositi di rivoluzione culturale e di rieducazione del popolo. Eppure, come dimostra questo saggio di Christina Ezrahi, l’ambizioso sforzo intrapreso dalle autorità si rivelò vano. I Cigni del Cremlino offre un’affascinante panoramica sulla collisione fra politica e arte coreutica durante il primo cinquantennio dell’era sovietica, tema finora pressoché trascurato dalla storiografia di danza. L’autrice dimostra come in quegli anni i dirigenti e gli artisti delle due maggiori compagnie di balletto russe quella del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo e quella del Teatro Bol’šoj di Mosca compostamente, ma tenacemente, resistettero all’egemonia culturale sovietica. Nonostante i controlli cui erano sottoposti, fecero in modo di preservare le forme originarie e le tradizioni del loro ricco passato artistico, riuscendo anzi a vivificarle. Quei modelli estetici e tecnici infusero una nuova energia propulsiva al balletto russo, che divenne il fiore all’occhiello delle conquiste culturali sovietiche e affascinò le platee occidentali anche durante i difficili anni della Guerra Fredda. Frutto delle ricerche condotte in decine di archivi e sintesi delle numerose interviste realizzate con artisti, dirigenti e altri protagonisti di quell’epoca, il volume di Christina Ezrahi propone ai lettori il primo, illuminante resoconto di ciò che avvenne nel balletto russo in epoca sovietica: ne segue le lotte nel periodo postrivoluzionario, ne documenta il massimo fulgore negli anni ’50 e ’60, gli “anni d’oro”, e infine ne ricostruisce le monumentali produzioni messe in scena per celebrare, nel 1968, il cinquantesimo anniversario della Rivoluzione.

Christina Ezrahi è una storica della cultura russa. È membro della Royal Historical Society.

 

Bookmark and Share