Non il suo tipo

Philippe Vilan

Disponibilità: Si

€ 13,00
O

Non il suo tipo

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788884407085
Caratteristiche volume in brossura
Formato cm 13 x 20
Pagine 192
Anno 2012
Rassegna Stampa

Récension dans Le Nouvel Obsevateur, Mai 2014

Romance - Tra le Righe e Oltre

Recensione su Il Foglio.it, 7 luglio 2012

Recensione su La Stampa

Recensone estrapolata da Succedeoggi.it

Recensione tratta da DOPPIOZERO:

Philippe Vilain, classe 1969, a 32 anni ha scritto un libro novecentesco: potrebbe averlo scritto Italo Svevo, Hermann Hesse: crudo, niente frivolo, squallido, Non il suo tipo racconta di un altro presuntuoso parigino che va a fare il professore di filosofia in provincia: si annoia, si sente estraneo, si schifa, e a un certo punto decide per noia di farsi scopare da Jennifer Dumont, la parrucchiera che vive con un figlio senza più un uomo in casa. Lei lo ama, è una donna semplice, non prova sentimenti contaminati da intellettualismi. Jennifer «ha la felicità triste», prima lo seduce andando in albergo “vestita come una puttana”, si inginocchia tra le gambe del professorino, e con la sua bocca carnosa lo strappa dalla vanità intellettuale. Jennifer ama François, ma François si vergogna di lei, lei “non è il suo tipo”, è imbarazzato, ma si compiace che lei lo veda così com’è: defilato, incapace di impegnarsi con una donna che lo ama in modo semplice. Poi, mutismo e malinconia riappaiono in Jennifer. Un giorno, non risponde più al telefono. Sparisce con il suo bambino. L’uomo che guarda la donna eccitato e schifato, il Narciso che si guarda e che non vede l’altro se non da voyeur, resta spiazzato dalla soggettività di un agire essenziale e non parlato, non estetico. Jennifer se ne è andata. «Jennifer avrebbe potuto essere felice senza di me» si dice quel cretino di François: «Anch’io avrei potuto esserlo senza di lei… mi resi conto dell’assurdità della nostra relazione».

Recensione Convenzionali

Recensione su "SognandoLeggendo.net"

Recensione su "Panorama"

Recensione su "Cinematografo.it"

Recensione su "Ansa"

Recensione su "La Stampa"

Recensione su "Doppiozero.com"

Trailer del film su "Coming Soon"

Recensione su "francilettricesognatrice.it"

Recensione su "Repubblica"

Recensione su "Venerdì" di "Repubblica"

Recensione su "Book Ciak Magazine"

Recensione sul "Corriere della Sera"

Recensione su "Il Messaggero"

Dettagli

François, professore di filosofia parigino, viene assegnato a una città nel Nord della Francia. Deluso da questa nuova destinazione e nostalgico della sua vita nella capitale, il primo periodo è per lui una dura prova. Ma poi conosce Jennifer, giovane parrucchiera divorziata e madre di un bambino, che diventa la sua amante. Sono diversi in tutto: appartenenza sociale e ambizioni, linguaggio e gusti... Può il loro amore superare questi ostacoli, o è soltanto un’illusione? 

Philippe Vilain propone, in questo romanzo, un’intensa riflessione sulla complessità dell’amore, il “razzismo” dei sentimenti e la forza travolgente della passione che, a volte, ci fa scegliere chi non è… il nostro tipo. E' autore di numerosi saggi e romanzi di grande successo, pubblicati in Francia da Gallimard e da Grasset, tra i quali Quadernetto sulla timidezza e Falso padre, entrambi editi in Italia da Gremese.  

Leggi qui un anteprima gratuito del libro:

Bookmark and Share