Il vostro fratello del segno dei pesci

Mehmet Yashin

Disponibilità: Si

€ 16,00
O

Il vostro fratello del segno dei pesci

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788884405760
Caratteristiche volume in brossura
Formato cm 13 x 20
Pagine 304
Anno 2010
Rassegna Stampa No
Dettagli

È anomalo e affascinante, questo secondo romanzo del poeta e intellettuale turco Mehmet Yashin, autore al suo debutto nella narrativa italiana. Anomalo a cominciare dalla struttura, volutamente spezzata e frammentaria, tutta brevi racconti che si succedono in modo apparentemente casuale (il libro inizia dal tredicesimo racconto, e lo stesso Yashin ci tiene a sottolineare che l’ordine di lettura dei vari episodi può essere liberamente scelto dal lettore…), tra continui flashback e cambi di scena. Anomalo nella resa grafica del testo, che spesso e volentieri si avvale di lunghe linee puntinate, parole in grassetto o unite in frasi senza spazi, come fossero pronunciate in un sola, concitata emissione di voce. Anomalo perché in qualche modo è anomalo il suo stesso protagonista, ebreo turco di ritorno in Turchia da una lunga esperienza di vita in giro per il mondo (Francia, Israele, Grecia, Inghilterra). Il suo rientro in “patria” coincide con una crisi che non è solo personale ma identitaria: Michel stenta a riconoscersi nel paese che pure gli ha dato i natali, e i suoi affanni individuali sembrano trovare eco nelle vicende che da lungo tempo scuotono i destini dei turchi ciprioti (sospesi tra le difficili relazioni con la parte greca dell’isola e il mancato riconoscimento del loro Stato) così come di quelli degli israeliani e palestinesi, vittime di conflitti e contrapposizioni ancora lontani dal trovare una via d’uscita.

Questa congerie di nazionalità, di movimenti temporali, di spostamenti di luogo, di voci – giacché alla voce di Michel si accompagnano e si sovrappongono altri “io narranti” – rappresenta la ragione essenziale del fascino che il romanzo suscita nel lettore. Un fascino che si dipana via via con l’avvicendarsi dei signoli episodi, solo apparentemente slegati e invece intimamente connessi alla visione dell’Autore circa l’idea di appartenenza identitaria. Esiste una sola identità? O ciascuno di noi, come singolo e come parte di una comunità, non è piuttosto il risultato di più identità confluenti e qualche volta confliggenti? Dobbiamo necessariamente scegliere una di esse? Perché invece non possiamo accoglierle tutte e lasciarcene nutrire?

Non è difficile rintracciare nella storia di Michel (e del suo alter ego turco-cipriota Memet) le vicende personali dell’autore, anche lui spostatosi di continuo tra vari paesi e costantemente in bilico tra varie lingue, culture e tradizioni. «Per Yashin come per i suoi personaggi – scrive la curatrice e traduttrice del romanzo, Rosita D’Amora – unico antidoto sembra la pratica di un tenace esercizio di non-appartenenza che si esprime nel rifiuto di omogenee e inattaccabili identità nazionali, linguistiche, politiche, religiose, per rivendicare piuttosto una storia individuale e collettiva in cui possono confluire e coesistere identità plurime».

Nato a Nicosia nel 1958, Mehmet Yashin è tra le voci più originali e raffinate della contemporanea produzione letteraria in lingua turca. Ha cominciato a scrivere poesie da giovanissimo, esordendo nel 1984 con l’acclamata raccolta Sevgilim Ölü Asker (Mio amato soldato morto). Ha sinora dato alle stampe otto raccolte di poesie – l’ultima dal titolo Kalbi Durmu& zamanda (Nel momento in cui il suo cuore si è fermato) è stata pubblicata nel marzo 2009 – che gli sono valse importanti premi e numerosi riconoscimenti letterari. Mehmet Yashin è inoltre autore di numerosi saggi, tra cui Step-mothertongue. From Nationalism to Multiculturalism: Literatures of Cyprus, Greece and Turkey (2000). Oltre a Il vostro fratello del segno dei Pesci, ha pubblicato un altro romanzo apparso nel 2003. I suoi lavori sono stati tradotti in numerose lingue. In italiano è recentemente apparsa l’antologia di poesie Il Drago ha anche le ali (trad. e cura di Rosita D’Amora), Argo, Lecce, 2008. Mehmet Yashin vive attualmente tra Cambridge, Nicosia e Istanbul.

Leggi qui un'anteprima gratuita

Bookmark and Share