Bagno di luna

Yanick Lahens

Disponibilità: Si

€ 16,50
O

Bagno di luna

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788884408938
Caratteristiche volume in brossura
Formato cm 13 x 20
Pagine 220
Anno 2015
Rassegna Stampa

Recensione su "Convenzionali".

Dettagli

Dopo tre giorni di tempesta, un pescatore scopre, arenata sulla riva, una ragazza che sembra essere scampata a una grande violenza. La voce della naufraga si innalza, facendo appello a tutti gli dei del voodoo e ai suoi antenati, per tentare di capire come e perché si è ritrovata lì. Ed è la sua voce a scandire l'ampio romanzo familiare raccontato da Yanick Lahens, a evocare le tre generazioni che hanno preceduto la giovane per fare luce sul doppio mistero della sua aggressione e della sua identità. I Lafleur hanno sempre vissuto ad Anse Bleue, un villaggio di Haiti dove la terra e le acque si confondono. Tra loro e i Mésidor, diventati i signori del luogo, i legami sono antichi, e il risentimento pure. Risale al tempo in cui i Mésidor hanno fatto man bassa di tutte le terre buone della regione. Quando, al mercato, Tertulien Mésidor si ferma come fulminato davanti al banco d'Olmène (una Lafleur), l'attrazione è reciproca. La storia dei due si scriverà al contrario dei luoghi comuni sulle donne sottomesse e gli uomini predatori. Ma, in quest'isola spazzata anche dagli uragani politici, voci di terrore e di morte non tardano a sollevarsi. Per raccontare il mondo "nuovo" dei fratelli e delle sorelle dilaniati, delle depradazioni, dell'opportunismo politico, Yanick Lahens si rimette al coro immemorabile dei contadini, che non si lasciano ingannare e si fidano solo delle potenze sotterranee. Le loro parole vibranti, magiche, danno a questo romanzo magistrale una violenta bellezza.

Yanick Lahens vive ad Haiti. Autrice di altri romanzi (La Couleur de l'aube, 2008 - Premio RFO 2009; Failles, 2010; Guillaume et Nathalie, 2013), con Bagno di luce (Premio Femina 2014) dà voce alla tormentata voce della sua isola e della sua gente, confessandosi esponente di primo piano tra gli scrittori francofoni contemporanei.

Bookmark and Share