Musica e cinema nel dopoguerra americano

Cristina Cano; Emiliano Battistini

Minimalismo e postminimalismo

Disponibilità: Si

€ 19,50
O

Musica e cinema nel dopoguerra americano

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788884408976
Caratteristiche volume in brossura
Formato cm 12,6 x 19,6
Pagine 206
Anno 2015
Rassegna Stampa

Recensione su "Convenzionali".

Recensione su "Colonnesonore.net"

Recensione su "FilmTv".

Recensione a cura di Baba Richerne nel GR2 del 21 novembre ore 19,30

Dettagli

Il volume approfondisce innanzitutto il contesto storico-culturale in cui si sviluppa, tra gli anni '60 e '70, quella corrente muscale americana del secondo dopoguerra detta "minimalismo". La prima parte ne mette in luce i molteplici nessi che la collegano alla poetica e all'opera del compositore John Cage, nonché la più ampia rete di relazioni con i contesti culturali ed estetici di quel periodo - analisi che lascia emergere tutta la radicalità delle scelte linguistiche del minimalismo americano e il suo messaggio di rottura e di alternativa in rapporto alle neoavanguardie europee. La seconda parte del volume è dedicata alla produzione di colonne sonore per il cinema dei compositori postminimalisti, nonché all'analisi di scene o sequenze esemplari tratte da testi filmici ove proprio la colonna sonora realizzata da compositori come Philip Glass o Michael Nyman ha contribuito in modo decisivo a determinare non solo l'esito estetico del film, ma in alcuni casi - primo fra tutti il celebre Lezioni di piano di Jane Campion - anche il loro successo presso il largo pubblico.

Cristina Cano, docente di ruolo per Didattica della Musica, ha insegnato per alcuni anni Semiotica della Musica al corso di laurea in D.A.M.S. dell'Università di Bologna e di recente nei Corsi di Musica applicata alle immagini presso il Conservatorio di Musica di Bologna. Ha pubblicato numerosi contributi di didattica della musica e di semiotica musicale, tra i quali La Musica nel Cinema (Gremese, 2002). Ha inoltre curato la supervisione musicale per le colonne di alcuni film, tra i quali Goodbye Mr. Zeus! e La finestra di Alice di Carlo Sarti.

Emiliano Battistini è dottorando in Studi Culturali Europei presso l'Università di Palermo. Laureato in Semiotica e diplomato in chitarra e in didattica dello strumento, come esecutore ha esperienze in ambito classico, rock, Jazz e popolare e come compositore scrive musiche per il teatro, la danza e gli audovisivi. Si interessa di Soundscape studies, field recording e musica elettroacustica, ambiti in cui è attivo con il collettivo Ground-to-Sea Sound Collective, progetto vincitore del bando GA/ER (Giovani Artisti Emilia-Romagna) 2013/2014.

Bookmark and Share