Shakespeare e il cinema

Ilaria Floreano

La vita, le opere, i personaggi del Bardo sul grande schermo, con tutte le più belle foto dei film

Disponibilità: Si

€ 19,50
O

Shakespeare e il cinema

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788884409232
Caratteristiche volume in brossura
Formato cm 17 x 24
Pagine 192 con 100 foto in b/n
Anno 2016
Rassegna Stampa

Recensione su "Quarto Potere"

Recensione su "Libero"

Recensione su "Repubblica"

Recensione su "archiviostorico.info"

Recensione su "Rivista del cinematografo"

Recensione su "Cineavatar"

Dettagli

William Shakespeare è morto 400 anni fa, ma il suo genio, sul grande schermo, non conosce tramonto: dal cinema al muto alla golden age hollywoodiana, dagli allestimenti geniali di Welles e Kurosawa, dalle proposte patinate di Zeffirelli alle rivisitazioni moderne di Kenneth Branagh, passando per autori come Godard e Polanski, le sue opere (da Amleto a Macbeth, da Romeo e Giulietta al Sogno di una notte di mezza estate) continuano a ispirare adattamenti, citazioni e omaggi, anche nei generi e nei luoghi più disparati (dal western all'horror, da Chinatown al carcere di Rebibbia). Shakespeare e il cinema si propone di raccontare al lettore in modo piacevole e scorrevole - frutto però di una ricerca approfondita e scrupolosa - il variegato percorso delle trasposizioni cine-shakespeariane nel corso dei decenni, inclusi i film che hanno cercato di raccontare la vita misteriosa del Bardo. Il tutto arricchito dalla più vasta filmografia shakespearina mai pubblicata in Italia, da aneddoti e scene cult, da battute memoriabili e curiosità dal set, nonché da un ricchissimo repertorio di foto di scena e fotogrammi dai film: oltre a quelli presenti nel testo, il lettore potrà trovarne migliaia online semplicemente inquadrando con lo smartphone il codice QR presente nell'indice del libro o digitando il link corrispondente. Per ricostruire un mondo variegato e intrecciato, fatto di teatro e cinema, ossia «della stessa sostanza di cui sono fatti i sogno».

Ilaria Floreano è nata a Desio nel 1984. Editor e traduttrice, collabora con agenzie di comunicazione milanesi in veste di autrice e scrive per «Film TV», «Nocturno» e farefilm.it. Ha tradotto Kill Bill Diary di David Carradine e Béla Tarr. Il tempo del dopo di Jacques Rancière. Tra i suoi libri: Concerto per macchina da presa. Musica e suono nel cinema di Krzyzstof Kieslowski (Heterotopia, 2011) e Ciak, mi sposo! I film più belli per prepararsi alle nozze (GIV, 2014). Ha scritto il soggetto del cortometraggio Non senza di me (Brando De Sica, 2015), vincitore del premio ASVOFF Diane Pernet 2015.

      

      

   

               

Bookmark and Share