Pier Paolo Pasolini

Piero Spila

I film: guida critica per nuovi spettatori

Disponibilità: Si

€ 19,50
O

Pier Paolo Pasolini

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788884409102
Caratteristiche volume in brossura
Formato 17 X 24 cm
Pagine 160 con circa 150 fotografie
Anno 2015
Rassegna Stampa

Recensione su "Punti di svista"

Recensione su "SoloLibri.net"

Recensione su "La Gazzetta del Mezzogiorno"

Dettagli

Un libro dedicato in particolare ai nuovi spettatori del cinema di Pier Paolo Pasolini, invitati a vedere o rivedere quei film al riparo dalle vicende personali e artistiche dell'autore e dal contesto spesso feroce in cui essi presero vita. Con Pasolini, voltare indietro lo sguardo significa provare una specie di vertigine, quella di specchiarsi in un tempo immoto, un infinito presente in cui tutto è cambiato e tutto sembra invece segnare il passo. A quarant'anni dal suo assassinio, Pasolini è sempre qui, e soprattutto il suo cinema rivela intatta la sua forza, capace ancora di suscitare emozione e sorpresa. Dalla prima inquadratura di Accattone (1960) fino all'ultimo fotogramma di Salò (1975), Pasolini ha raccontato la storia del nostro paese e insieme ha fatto la critica di quella storia. Per questo motivo il suo cinema non è moderno (almeno non nel senso di Rossellini o di Renoir), è invece contemporaneo, ovvero non legato al tempo in cui si iscrive, fuori norma e fuori misura. Curioso che la critica cinematografica, nella maggioranza dei casi, abbia spesso equivocato il senso profondo del suo lavoro, utilizzando parametri di giudizio tradizionali e quindi attardandosi sulla "fertile imperfezione" dei suoi film, e perdendo di vista (o sottovalutando) l'aspetto più anomalo, ibrido, spiazzante, di un cinema che, come ha detto Patty Smith, «è stato capace di raccontare sanguinando un tempo che sanguinava».

Piero Spila, giornalista, critico cinematografico e sceneggiatore, vive e lavora a Roma. Inizia la sua attività alla fine degli anni Sessanta come redattore della rivista «Cinema&Film», dove ha potuto collaborare con Pier Paolo Pasolini. Autore di saggi e monografie, svolge attività didattica insegnando linguaggio cinematografico e sceneggiatura. Attualmente è Vice Presidente del Sindacato nazionale critici cinematografici italiani (Sncci) e condirettore della rivista «Cinecritica».

Bookmark and Share