Johnny Depp

Eleonora Saracino

dal sogno di rockstar al grande cinema internazionale, la carriera del piu’ eclettico outsider di Hollywood

Disponibilità: Si

€ 20,00
O

Johnny Depp

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Informazioni Aggiuntive
ISBN 9788884406187
Caratteristiche volume in brossura
Formato cm 19,5 x 24,5
Pagine 144 con ill. b/n e col.
Anno 2010
Rassegna Stampa No
Dettagli

Considerato un "ribelle" e un outsider, Johnny Depp ha faticato non poco a liberarsi dal cliché del "bello e dannato" per imporsi sulla scena internazionale come un attore di talento. A dispetto della fama da sex symbol che i media gli hanno cucito addosso, ha preferito misurarsi con personaggi complessi e tormentati e lavorare con registi in grado di dare voce alla sofferenza, alla solitudine, alla diversità.
È uno dei pochi artisti a non essere ossessionato dall'immagine e non esita a trasformarsi fisicamente. Il volto sfregiato del protagonista di Edward mani di forbice, la calvizie del Raoul Duke di Paura e delirio a Las Vegas, il plastificato Wonka de La fabbrica di cioccolato e lo spaventoso ghigno di Sweeney Todd sono alcuni dei ruoli "estremi" in cui l'attore ha alterato la propria fisionomia per essere non soltanto aderente al ruolo ma "nel" ruolo. Diretto da grandi registi, da Jim Jarmusch a Terry Gilliam, passando per Emir Kusturica, Michael Mann e, naturalmente, Tim Burton (sette film girati insieme, tra cui Alice nel paese delle meraviglie), Depp non ha mai smesso, come lui stesso ha dichiarato, di "mettersi alla prova".
Dopo una lunga serie di film dettati dalle "scelte di cuore", Depp è arrivato al successo planetario a quarant'anni con la miliardaria saga dei Pirati dei Caraibi, portando alla ribalta un genere che, dopo l'era di Douglas Fairbanks, sembrava destinato all'oblio e a un sicuro flop al botteghino. Il suo Jack Sparrow, invece, è entrato nel mito, con la sua aria da sgangherato masnadiere, funambolo sul filo dell'avventura e della comicità, incarnazione perfetta del corsaro post-moderno.
A questo originale artista, che resta, nonostante tutto, un outsider, Eleonora Saracino dedica un approfondimento critico, ampiamente illustrato (con molte nuove immagini rispetto alla prima edizione del volume), a ripercorrere i tratti salienti di una delle carriere più eclettiche di Hollywood.


ELEONORA SARACINO (Roma, 1967), giornalista e critico cinematografico, è membro deI SNCCI (Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani) dal 1997. Si è laureata in Storia e critica del cinema con una tesi sul rapporto tra il cinema e la letteratura. Ha curato programmi radiofonici e televisivi, è caporedattore del mensile «Vox Roma» e collabora con diverse testate tra le quali «Cultframe» e «CineCriticaWeb». È docente inoltre di Metodologia della critica cinematografica al Master di critica giornalistica presso l'Accademia Nazionale D'Arte Drammatica "Silvio D'Amico".

Leggi qui l'anteprima gratuitamente

Bookmark and Share